Like a Rolling Stone

Greil Marcus

Like a Rolling Stone

Donzelli

Voto: 3/5

1981, un ristorante a Maui. I clienti mangiano, bevono, chiacchierano, senza fare caso alla musica trasmessa dalla radio. Poi parte Like a Rolling Stone e i clienti smettono di mangiare, bere, chiacchierare, per cominciare a canticchiare,muovere i piedi, guardare la radio. In questo piccolo aneddoto è racchiusa la domanda a cui lautore, uno dei più grandi critici musicali americani, vuole rispondere con il suo libro: perché Like a Rolling Stone? Non è la canzone più bella né la più rivoluzionaria nellopera di Dylan, ma è lunica che, anche a distanza di 20 anni, blocca un ristorante. Perché? La domanda, alla fine della lettura, rimane senza risposta. È il mistero delle canzoni eterne, quelle che, scrive Marcus, resistono ai musicisti e al cantante. Che vengono scritte una volta sola, ma quando vengono scritte sembrano inevitabili.

ven, 11 nov 2005 - articolo di Letizia Bognanni

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email