Mark Owen

How The Mighty Fall

Edel

Voto: 3/5

Siamo dalla parte di Mark Owen. Ci fa specie pensare che a ogni nuova uscita debba faticare il doppio di ogni altro artista per scrollarsi di dosso quello che, secondo molti, è un marchio dinfamia: aver fatto parte dei Take That, teen band che ha prodotto quei turbamenti adolescenziali pronti a scomparire con lattenuarsi dellacne giovanile. Al terzo album solista, Mark sa bene che il vecchio gruppo ha già prodotto il personaggio: Robbie Williams. Superfluo, quindi, emularlo. E senza la volontà di stupire a tutti i costi sfodera un album equilibrato fra pop e rock, con alcune reminiscenze brit e qualche ammiccamento ai Beatles. A fare da collante la voglia di dimostrarsi cresciuto e unonestà di fondo, questa sì profumata ancora di gioventù.

ven, 24 giu 2005 - articolo di Mauro Petruzziello

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email