Sleater-Kinney

The Woods

Sub Pop

Voto: 5/5

Se siete qui per essere intrattenuti, per piacere andate via. Meno ostinatamente "rrriot girl" che in passato e più attratte dalla sperimentazione e da Hendrix e Led Zeppelin, le Sleater-Kinney non smettono di graffiare. E per il loro decimo compleanno si regalano una favola oscura che ha inizio in un bosco popolato di truffatori mediatici, ragazze alla moda, reality show, emozioni prefabbricate. Un circolo vizioso spezzato da rabbia selvaggia, chitarre corrosive (The Fox), armonie vocali sinistre (Jumpers), ballate dark (Night Light) jam session visionarie (Lets Call It Love), sarcasmo e una personale teoria di dilatazione della tipica punk-song, sapientemente orchestrata da Dave Friedmann. Alla fine non resta che pura passione. La catarsi è servita.

ven, 24 giu 2005 - articolo di Daniela Liucci

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email