Blinking Lights And Other Revelations

Eels

Blinking Lights And Other Revelations

Fullfill Records

Voto: 5/5

Pare che Mark Oliver Everett — la mente degli Eels — abbia impiegato anni a realizzare questo doppio album da 33 brani, e che gli ultimi dischi fossero solo delle "pause di lavoro" dalla sua fatica più grande. Il primo miracolo è che Blinking Lights non risulta dispersivo. Può saltare dallo struggente pianoforte di If You See Natalie al gioioso surf di Old Shit/New Shit, dal delirio di Going Fetal (con Tom Waits) alla sofferenza di Dust Of Ages, ma i temi, la ricchezza, i richiami, legano il tutto con un unico filo vitale. Di fronte ai capolavori le parole mostrano la corda e non riescono a raccontare lintensità di certe emozioni. Intendiamoci: le nostre parole senza musica, perché quelle di Everett ci riescono eccome, e sono devastanti come rivelazioni.

ven, 22 apr 2005 - articolo di Gabriele Guerra

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email