New Order

Waiting For The Sirens' Call

London Records

Voto: 3/5

Scontato pensare che più di questo non possano fare. Che è impossibile spingersi oltre Waiting For The SirensCallper i New Order. Cosa pretendere ancora da un gruppo che, dopo la morte di Ian Curtis, è stato capace di trasformarsi da Joy Division in New Order? Cosa domandare a chi ha già dato il meglio di sé su Blue Monday, pezzo che da solo vale una carriera? E che dopo ha saputo riattualizzarsi tirando fuori le chitarre e fra i primi a farlo imbastardirle con lelettronica? Questo è lennesimo album dei New Order. Meno compatto del precedente Get Ready. Meno innovativo del loro nome.Poi le tracce scorrono e arriva Turn, il sole dei Byrds che spunta nel grigio di Manchester. E fa il paio col garage rock di Working Overtime. Due nuovi assi nella manica. Una nuova sorpresa.

ven, 22 apr 2005 - articolo di Mauro Petruzziello

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email