Black Label Society

Mafia

Rykodisc

Voto: 1/5

Dal 1999 la Black Label Society rappresenta la seconda vita del chitarrista Zakk Wylde, dopo i fasti dellepoca Ozzy Osbourne. Anni che a quanto pare sono passati invano, o comunque sempre simili a se stessi, se è vero che anche Mafia sbandiera un hard rock macho e prevedibile, spossante non tanto per lenergia profusa, quanto per la sua orgogliosa ripetitività. La voce, il cantato, le composizioni, i riff e gli assoli suonano incredibilmente monocordi; certo, si faceva prima a dire tutto è monotono, ma col rischio di non rendere lidea. Evitatelo.

ven, 8 apr 2005 - articolo di Gabriele Guerra

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email