Rachel Yamagata

Happenstance

Bmg

Voto: 4/5

Happenstance non è solo "fortuna o un caso, come da traduzione letterale. La giovane canadese Rachael Yamagata, in parte di discendenza italo-tedesca, in parte giapponese, ci sa fare. E questo suo album desordio suona davvero ben rifinito, molto pianistico, capace di ammiccare al pop-jazz come, più spesso, al cantautorato intimista. Un timbro vocale che a volte richiama Sheryl Crow, a partire dallinizio di Be Be Your Love, mentre brani come Paper Doll e Reason Why ritraggono una ragazza sospesa generazionalmente fra Fiona Apple e Carole King. No, non è stata solo una questione di happenstance.

ven, 11 mar 2005 - articolo di Gabriele Guerra

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email