Marcus Miller

Silver Rain

Dreyfus Jazz

Voto: 1/5

I deliri, soprattutto quelli di onnipotenza, sono notoriamente pericolosi. Quando cè di mezzo la musica si può per fortuna cambiare aggettivo e trasformare il pericolo in irritazione. Il bassista Marcus Miller, funambolo dello strumento e producer di buon credito ce la mette tutta in questo lavoro per infastidire lascoltatore: usando invariabilmente lobsoleta tecnica slap sul suo basso (e quando non la usa ne ricalca il timbro da paperetta in calore), assemblando cover di dubbio gusto (si passa da Stevie Wonder a Ludwig Van Beethoven), usando la tecnologia come strumento per stupire e non per creare... Meglio allora il muscolare Maceo, veterano della sezione fiati di James Brown, che mette in circolo in Schools In! la sua personale didattica sonora. Declinazione funk targata 2005 che, se non rivoluziona il mondo della musica black, le regala almeno un corroborante inserto di sudore e groove.

Valerio Corzani

ven, 11 mar 2005

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email