My Hotel Year

Tim Bowness

My Hotel Year

One Little Indian

Voto: 3/5

La vista che si gode dallhotel di Tim Bowness, già voce e autore del duo No-Man, abbraccia una latitudine desolata. Sempre da lì, dalla finestra della stanza in cui sembra aver speso anni interi, si respira unatmosfera rarefatta ed elettronica, pienamente restituita dagli arrangiamenti minimali, dal cantato sussurrato, e dai ritmi lenti e malinconici, sempre affidati alle macchine. Intenso, sofferto, a volte fin troppo omogeneo. Ma una vista è una vista, la prospettiva è ristretta, in più il paesaggio raccontato da Bowness potrebbe essere solo unipotesi. Forse la sua musica filtra da una serranda abbassata da sempre.

ven, 26 nov 2004 - articolo di Gabriele Guerra

Tag: Tim Bowness  Cd  Pop

Commenti

Nessun commento.

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email