amori & odi dei - Delta V


A colloquio con Carlo Bertotti dei Delta V, alla scoperta dei suoi gusti e "disgusti".

  • Condividi su Facebook
  • postalo su Buzz
  • condividi su FriendFeed
  • segnalalo su Ok Notizie

inviainvia a un amico

DISCO LOVE

Un solo disco? No, ne scelgo almeno uno italiano e uno straniero! Italiano: Sempre più vicini dei Casino Royale. Ha cambiato il concetto di pop dando il la a un sacco di belle cose. I Delta V e i Subsonica non sarebbero nati senza quel disco. Straniero: The Lamb Lies Down On Broadway dei Genesis. Un album stupendo, senza età, classico ma attuale, emotivo, malinconico, profondo.

DISCO HATE

Portishead, il secondo album dei Portishead. È arrivato molto tempo dopo Dummy e lattesa è stata talmente spasmodica che in ogni caso si sarebbe sgonfiata. Se fosse stato il disco di una band emergente lo avrei apprezzato, ma essendo un lavoro dei Portishead lho preso, impacchettato e messo da parte.

 

LIBRO LOVE

Il libro che rileggo spesso è Il deserto dei tartari di Dino Buzzati. Recentemente ho anche comprato il DVD del film, lento ma bellissimo. Credo che scatti in me una sorta di identificazione con il tenente Drogo, il protagonista del romanzo. Per questo motivo lo leggo sempre con voluttà.

LIBRO HATE

Il tao della fisica di Fritjof Capra. Una mia amica mi ha spinto a leggerlo dicendo che vi avrei trovato lessenza della vita Che devo dire? Sarò un materialista indomito, ma quel libro lho proprio odiato. E poi ci sono degli autori italiani che trovo sopravvalutati. Per esempio Alessandro Baricco. Ho letto Oceano mare e mi sembrava molto bello. Ma i suoi libri, da Seta in poi, non mi hanno detto più niente.

 

MEZZO DI TRASPORTO LOVE

La macchina. Mi permette di andare dove voglio nei tempi che io scelgo, senza limitazioni. Ricordo un viaggio bellissimo fino a Marrakech, passando ovviamente per la Spagna. E poi giù, dritti fino a Fez.

MEZZO DI TRASPORTO HATE

Laereo. Ho la sensazione di non avere il controllo. Ogni volta che ci salgo mi chiedo perché mai riesca a volare quel pesantissimo bestione dacciaio. E quando comincio a farneticare e farmi prendere dallansia mi chiedo se non sarebbe stato meglio andare in nave o con un qualsiasi altro mezzo!

 

VIAGGIO LOVE

Un viaggio in Indocina, magari in Vietnam o in Cambogia. Cè un mio amico, sposato con una ragazza di Hanoi, che da un anno mi invita e sono sicuro che andrò a trovarlo. Non so perché questi posti esercitano fascino su di me, magari perché in unaltra vita sono nato da quelle parti. Un altro motivo è che quando ero piccolo sentivo parlare in continuazione di Vietnam erano gli anni caldi della guerra e il nome di questo paese ha sempre continuato a ronzarmi nella testa.

VIAGGIO HATE

Non mi interessa andare in Egitto. I suoi posti turistici sono troppo spersonalizzanti. E poi quel paese mi inquieta comunicandomi una sensazione di arcano, di inviolabile e misterioso.

 

VIDEOCLIP LOVE

Mi piacciono molto i video di Fatboy Slim, in particolare Weapon Of Choice con Christopher Walken che balla. Un video geniale. Adoro Christopher Walken dai tempi de Il cacciatore e non sapevo che lui avesse intrapreso la carriera di attore solo dopo essere stato un ballerino. Mi piace il distacco tra la musica e il suo personaggio, un uomo di finanza della City con un vestito elegante che si muove in maniera divina. Ma vorrei segnalare anche il nuovo video degli Amari, Campo minato.

VIDEOCLIP HATE

L80% dei video italiani, perché sono tutti uguali, sfruttano stereotipi al pari dei video dei rapper americani con le fighe, le macchinone, gli anelli bene in evidenza. I video italiani sono piatti: playback a tutti i costi, col cantante contorto, romantico, esasperatamente bello, volutamente superiore alla massa. Cliché ridicoli! A me piace lironia e apprezzo gli artisti che non si prendono sul serio.

 

FILM LOVE

Brazil di Terry Gilliam. Un film che ha moltissime cose: ha dentro un forte immaginario, è sicuramente molto attuale e potrebbe essere accompagnato dal nostro ultimo album. In definitiva, un film profondo ed emotivo.

FILM HATE

Via da Las Vegas con Nicolas Cage e Elisabeth Shue. Mi ha irritato. Lho trovato del tutto decontestualizzato. Non mi è piaciuta linterpretazione di Cage e poi questo modo bukowskiano di doversi fare a pezzi Ecco, lautodistruzione e il masochismo sono tematiche che detesto. Detesto quella filosofia di vita e, di rimando, quel film.

ven, 7 apr 2006 - articolo di Mauro Petruzziello

  • Condividi su Facebook
  • postalo su Buzz
  • condividi su FriendFeed
  • segnalalo su Ok Notizie

inviainvia a un amico

Commenti

Ancora nessun commento, vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento. Per favore, sii educato.

Se sei registrato fai login per far apparire il commento a tuo nome, altrimenti inserisci nome e indirizzo email.


Segnala a un amico via email