amori & odi dei - Devics


Sara Lov e Dustin OHalloran sono le colonne dei Devics, duo losangeleno poco profeta in patria ma molto apprezzato, a ragione, in Europa. Voce da brividi lei, originaria delle Hawaii; polistrumentista, ma soprattutto talentuoso pianista, lui. Push The Heart è il loro toccante quarto album, di sicura atmosfera e qualità; abbiamo interrogato Dustin (che abita tra Los Angeles e Faenza) sui suoi amori e odi, ne è uscito un quadro intrigante e profondo come la sua musica.

  • Condividi su Facebook
  • postalo su Buzz
  • condividi su FriendFeed
  • segnalalo su Ok Notizie

inviainvia a un amico

DISCO LOVE

Mi è difficile decidere, perché ce ne sono parecchi e ognuno ha le sue ragioni. Te ne dirò tre che sono stati importanti e mi hanno influenzato: i Notturni di Chopin, anche se non si tratta di un vero album, mi fanno sentire bene e non mi annoiano mai; poi uno qualsiasi di Serge Gainsbourg, per la sua capacità di combinare tra loro rock e grandi arrangiamenti; infine Let Love In di Nick Cave, un grande disco, senza tempo, una delle caratteristiche fondamentali per un album di qualità.

DISCO HATE

Mi metti in difficoltà, perché odiare è una parola troppo forte! Sicuramente non sopporto la nuova country music. Mi piace Johnny Cash, che rappresenta la tradizione, ma il new country è qualcosa di terrificante. Sottolineo: terrificante.

 

LIBRO LOVE

Quello che sto leggendo! (lo estrae da una borsa) A Man Without A Country di Kurt Vonnegut (uscito nel 2005 e non ancora pubblicato in Italia, N.d.R.). Mi piace questo libro proprio perché anchio mi sento un uomo senza terra, sempre in giro tra lAmerica, lItalia e il resto del mondo, ma devo dire che per fortuna sto bene ovunque.

LIBRO HATE

Ti confesso una cosa: forse sono stato fortunato, ma non ho mai letto un libro che non mi sia piaciuto! Quindi non so cosa rispondere. Di sicuro non sopporterei un libro che non racconta niente, in cui non cè una storia. Probabilmente ho sempre fatto una buona selezione a monte, scegliendo bene, perché sinora non mi è mai capitato un libro del genere.

 

VIAGGIO LOVE

Ogni posto nuovo dove andare, sia con la band che da solo. Mi piace guardarmi intorno, cercare di capire i luoghi, scoprire come vive la gente ed entrare in qualche modo in relazione con loro. La condizione umana è differente ovunque vai, anche se visiti posti molto vicini tra loro.

VIAGGIO HATE

Non si tratta proprio di un viaggio, ma di un percorso: odio guidare per ore e ore nei sobborghi di Los Angeles. Ti sembra sempre di restare fermo nello stesso posto e di non arrivare mai. Butti via due ore di tempo e alla fine hai solo attraversato Los Angeles.

 

VIDEOCLIP LOVE

I video di Lauri Faggioni, in particolare A Ribbon il clip che ha girato per Devendra Banhart. La regia è firmata insieme a Michel Gondry, altro grande videomaker. Mi piace quel video per la sua semplicità e lestrema forza che hanno le immagini di animazione. Veramente bello.

 

VIDEOCLIP HATE

Anche qui ce ne sono un sacco! Non sopporto i video pop, quelle produzioni ricche in termini economici, ma senza sostanza, che guarda caso vanno in heavy rotation fino a diventare intollerabili. Escluderei anche la maggior parte dei clip associati allhip-hop.

 

MEZZO DI TRASPORTO LOVE

In assoluto amo il treno perché è il mezzo più emozionante e immaginativo. Tutto si muove velocemente intorno a te, mentre ti sembra di restare ben saldo attaccato a terra. Ma non così la tua testa, che invece può viaggiare alla stessa velocità del treno.

MEZZO DI TRASPORTO HATE

Non mi piace volare. Non è una questione di paura. È troppo veloce, sei chiuso in un piccolo spazio dove ti muovi a fatica. E poi consuma troppo carburante e il petrolio in questo momento è il problema più grande del mondo. Bisognerebbe ridurre i consumi.

 

FILM LOVE

Vale quanto detto per i dischi, è difficile dirne uno solo, molto dipende dallo stato danimo in cui sono. Cè un film che ho rivisto recentemente che amo moltissimo: Stranger Than Paradise di Jim Jarmusch (in italiano Più strano del Paradiso, N.d.R.) è un film molto semplice che però ti mostra quanto sia facile fare esperienze emozionanti. Potrei aggiungere uno qualsiasi dei film di Kubrick, un mago soprattutto per come ha saputo lavorare a Hollywood con uno spirito completamente diverso dagli standard.

FILM HATE

Difficile... Ricollegandomi al discorso di prima direi probabilmente tutta la produzione di Hollywood! Escluso Kubrick, ovviamente. Tra i film che mi piacciono meno ci sono le commedie del tipo romantico a tutti i costi; non le sopporto proprio.

ven, 3 mar 2006 - articolo di Luca Trambusti

  • Condividi su Facebook
  • postalo su Buzz
  • condividi su FriendFeed
  • segnalalo su Ok Notizie

inviainvia a un amico

Commenti

Ancora nessun commento, vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento. Per favore, sii educato.

Se sei registrato fai login per far apparire il commento a tuo nome, altrimenti inserisci nome e indirizzo email.


Segnala a un amico via email