Heineken 1: Beady Eye, Cremonini, Coldplay

HJF Day One, cronaca poco seria. Il parco comincia a riempirsi di fan intorno alle 18, in attesa dei Beady Eye. Ovviamente sono fan degli Oasis, orfani di Noel, che si accontentano di scampoli di Gallagher sotto forma di Liam. E Liam si palesa puntuale, ciancicando un chewing gum, scostante e irritante come non mai, dunque in ottima forma. Un Liam simpatico, che dispensa sorrisi e battute, quello sì sarebbe preoccupante. C'ero nel 2005, quando all'Heineken versione Imola dovette inventarsi qualche capriccio di voce per abbandonare il set degli Oasis dopo 45 minuti scarsi. Gran concerto però. Stavolta deve suonare un'ora e un'ora suona, anzi canta. Anche bene, soprattutto sui pezzi mid-tempo, meno quando c'è da spolmonarsi su qualche brano più aggressivo. Ma sempre per un fatto di studiata sufficienza. Anche il bassista, bisogna dire, ha la lucidità di una triglia vissuta in uno stagno di birra. Alla fine, Liam si concede uno stanco "bagno di folla", subisce qualche abbraccio, ricambiando con il calore di uno spaventapasseri, poi elargisce qualche cinque qua e là, ma sempre girato dall'altra parte.

 

Cesare Cremonini è l'inedito ponte tra le tante e diverse virtù brit. Diavolo di un Cremonini, non sfigura affatto. Ravviva il fuoco spento degli orfani di Noel e scalda ben bene l'attesa per gli headliner Coldplay. Mi è sempre piaciuto Cremonini, anzi sono un fan di Cremonini. Primo perché lo canticchio spesso e volentieri. Poi perché quando ha copiato (si può dire copiato?) lo ha sempre fatto con gusto, e anche quando si è semplicemente ispirato ad altri (ispirato si può dire) ci ha messo tanto gusto. E via via ispirandosi ha trovato la sua cifra personale. Altra cosa: compositivamente non si accontenta mai. Ti trova un bel ritornello orecchiabile? Accanto si sforza di metterci una strofa altrettanto efficace. Poi tra ritornello e strofa ecco un bridge ancora meglio degli altri due. Poi ancora un grande special a rilanciare il pezzo, meglio di strofa bridge ritornello. Anche a costo di riempire tutto, di non lasciare vuoti e risultare a volte un po' pomposo. Inoltre Cremonini è uno super serio, che cura molto il live (e lo dimostra anche qui), le interviste, i contatti con i fan, si dedica insomma alla professione a tutto tondo. Oggi la formazione è molto rock, a due chitarre, anche tre, quando ne imbraccia una pure Cesare. Pianoforte poco, forse anche per non correre il rischio di impallare Chris Martin, che è uno dei suoi idoli. Impallare, non essere impallato. Bravo.

 

Dei Coldplay invece mai stato un vero fan. Apprezzati sì, ma li ho canticchiati molto meno. In ogni caso, il concerto è magnifico. La scenografia, spettacolare, è un continuo inno al colore: fuochi d'artificio, laser policromi, schermi saturi, fumi illuminati, coriandoli, palloncini. Colorato come un repertorio melodico eccellente che Chris Martin interpreta da gigante. Anche se. Chris è freddissimo con i compagni di palco, che in pratica "incontra" solo al momento di intrecciare Us Against the World, con un'esecuzione davvero corale e molto curata. Viva la Vida vale tutto lo show per come Will Champion la martella su timpani e campana. E poi Clocks, Fix You, Violet Hill, tanti brividi. Concerto magnifico, ma con un finale pessimo. Primo, perché si chiude alla bieca maniera promozionale, col nuovo singolo Every Teardrop Is A Waterfall, e ci può anche stare. Poi perché neanche si spegne l'ultima eco dell'ultimo accordo che i quattro spariscono dal palco in men che non si dica. Neanche una manfrina di inchino, una bacchetta gettata al pubblico, un wave goodbye. Nulla. Nel backstage Liam storce la bocca: Non si fa così...

ven, 10 giu 2011 - articolo di Gabriele Guerra

Tag: Heineken Jammin' Festival

Commenti

  • Carly
    Carly
    10 giugno 2011, 15:12
    Liam cosa? Veramente?

  • gnazio
    gnazio
    11 giugno 2011, 13:34
    Io sono stato al concerto. Coldplay magnifici! Se sei stato attento, prima di suonare everyteardrop... chris saluta e infine canta l ultima canzone... sono stati molto originali. I beady eye GRANDE DELUSIONE. Gli unici che hann avuto successo sono stato cremonini e coldplay!

I commenti sono chiusi.

Segnala a un amico via email