Dennis Hopper: ultimo viaggio dell'easy rider

L'attore e regista è scomparso sabato a 74 anni

  • Condividi su Facebook
  • postalo su Buzz
  • condividi su FriendFeed
  • segnalalo su Ok Notizie

inviainvia a un amico

 

Come regista ha lasciato ovviamente il segno con Easy Rider. Come attore ne ha lasciati mille, attraversando le epoche, con film come Gioventù bruciata, Il gigante, Sfida all'OK Corral, L'amico americano, Apocalypse Now — dove nella giungla del miglior Marlon Brando ci stava a pennello — Rusty il selvaggio, Velluto blu, per citarne solo pochi.

 

Non c'è talento senza cultura. Tra i meriti cinematografici più grandi di Dennis Hopper c'è quello di aver stabilito che il "road movie" è un'invenzione italiana. Insieme a Peter Fonda, infatti, ebbe l'idea per Easy Rider (1969) soprattutto grazie a Il sorpasso di Dino Risi (1962), citato già a partire dal titolo, che in inglese era The Easy Life (anche in America traducono banalizzano e peggiorano i titoli dei film!).

 

E quando Hopper presentò il suo film, volle assolutamente invitare Michelangelo Antonioni, suo punto di riferimento. Questi, impressionato dalla prova di Jack Nicholson, lo scritturò poi per il suo Professione: reporter. Non c'è talento senza fortuna, se pensiamo, oltretutto, che lo stesso Nicholson era abbastanza in dubbio sul suo futuro da attore, e forse avrebbe mollato la carriera senza la grande prova da motociclista del sellino posteriore. Ergo non avremmo avuto film come Qualcuno volò sul nido del cuculo, L'ultima corvè, Shining, o almeno, non così belli senza la presenza di Jack. Grazie ancora Dennis.

 

Non c'è talento senza innovazione. Easy Rider fu anche uno dei primi film la cui colonna sonora — stupenda — è costruita con pezzi non scritti apposta per lo score, ma già editi e noti, una pratica che adesso sembra perfino scontata, ma all'epoca, per l'appunto, era innovativa. Paradossalmente, solo il brano Find the Cost of Freedom fu chiesto a Stephen Stills su commissione, pensato da Hopper per il finale, ma poi non venne utilizzato, diventando però un cavallo di battaglia di Crosby Stills Nash & Young. Altri meriti incalcolabili.

 

lun, 31 mag 2010 - articolo di Gabriele Guerra

Tag: Movies  Jack Nicholson  Dennis Hopper

  • Condividi su Facebook
  • postalo su Buzz
  • condividi su FriendFeed
  • segnalalo su Ok Notizie

inviainvia a un amico

Commenti

Ancora nessun commento, vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento. Per favore, sii educato.

Se sei registrato fai login per far apparire il commento a tuo nome, altrimenti inserisci nome e indirizzo email.


Segnala a un amico via email